flauto_edited.jpg

corsi di teatro

I laboratori teatrali di Insonora propongono il teatro quale potente mezzo educativo: aiuta e potenzia la crescita personale e rafforza la personalità, favorendo un miglioramento del rapporto con gli altri e stimolando la comunicazione, la condivisione, la creatività, la conoscenza.

 

I nostri corsi di teatro si rivolgono a bambini e ragazzi dai 3 anni in su, hanno cadenza settimanale e si svolgono in piccoli gruppi in base alle età dei partecipanti.

Qualche esempio dei laboratori svolti in questi anni, elaborati e coordinati dalla nostra docente Laura Musso:

- ”Che senso ha?!” per bambini e bambine dai 3 ai 5 anni;

- ”Dire(A)zione!” per ragazzi e ragazze dagli 11 ai 13 anni, e per ragazzi e ragazze dai 14 anni in su.

Altri laboratori, con tematiche diverse e rivolti anche ad altre fasce d'età, stanno nascendo e verranno proposti nei prossimi mesi.

 

Il linguaggio del teatro è interdisciplinare: contiene in sé il gesto, il movimento, il suono, la parola, l’immagine e il segno. Il linguaggio teatrale può essere utilizzato come strumento di conoscenza, di sperimentazione soggettiva e collettiva poiché è veicolo di esperienza emotiva e di creazione artistica, contenendo inoltre la possibilità di rielaborare il mondo attraverso l’esperienza dell’arte interpretativa. L’attività creativa teatrale instaura una dialettica di confronto e di crescita che, attraverso il corpo, le emozioni, il pensiero creativo e fantastico, coinvolge la loro globalità psicofisica.

 

Attraverso diverse tecniche teatrali si crea, stimolando e permettendo la libera espressione di sé e migliorando la relazione con l’altro. Si accompagnano i bambini e i ragazzi lungo un percorso di crescita e di sviluppo delle loro capacità creative, espressive e comunicative.

 

È un'attività che educa le potenzialità espressive e comunicative già presenti in ognuno fin dalla nascita: “Non esiste un modo giusto per esprimere e comunicare ciò che si prova in un determinato momento, ognuno ha il suo, il segreto sta nel tirarlo fuori!”.